Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Il Giappone si prepara alla guerra...

Tokyo, 2 lug – A nulla sono valse le proteste dei pacifisti scesi in piazza ieri a Tokyo. Il governo di Shinzo Abe ha approvato la revisione dell’art. 9 della costituzione nipponica, imposta dagli Stati Uniti alla fine dell’ultimo conflitto mondiale. Se formalmente l’articolo che impone al Giappone di rinunciare per sempre alla guerra rimane immutato e ufficialmente le forze armate del Sol Levante potranno difendere gli “alleati sotto attacco” nella forma di “autodifesa collettiva”, il cambio di rotta del Sol Levante pare evidente. Da oggi il governo di Tokyo potrà decidere unilateralmente se un evento “rappresenta una minaccia per la sopravvivenza del Giappone o viola i diritti fondamentali delle persone, giustificando un’azione militare”. “L’ambiente che circonda il Giappone diventa sempre più pericoloso – ha dichiarato il premier giapponese durante una conferenza stampa. “Per essere preparati ad ogni evenienza – ha aggiunto Abe – abbiamo bisogno di sviluppare una normativa che garantisca la sicurezza, che protegga la vita delle persone e consenta la pace”.

Non sembrano però esserci nazioni amiche di Tokyo sul piede di guerra al largo delle acque che circondano il Giappone. A parte la Corea del Sud, che da decenni è in tensione con Pyongyang, il nemico fraterno e minaccioso a nord del trentottesimo parallelo, labile confine che divide le due Coree dal 1953.Pare quindi evidente che la mossa di Abe andrà oltre il mero sostegno agli Stati alleati. Prova ne è che la reazione del governo di Seoul è stata piuttosto fredda e numerosi cittadini della capitale coreana hanno protestato di fronte all’ambasciata giapponese. Mentre la Cina ha ovviamente contestato la svolta di Abe, limitandosi però ad una reazione tiepida e chiedendo a Tokyo di “agire con prudenza in materia di sicurezza”.


Il premier nipponico Abe si sta quindi palesando come un alleato piuttosto scomodo o quantomeno difficilmente inquadrabile, per gli Stati Uniti. Tokyo sembra voler rivedere il proprio ruolo all’interno della scacchiera che ci mostra un mondo sempre più avviato verso un controllo multipolare, dove Washington è sempre meno una superpotenza in grado di dettare la linea a tutti gli storici alleati. E così gli alfieri si stanno trasformando in imprevedibili cavalli. Work in progress allora nel nuovo ordine mondiale, dove il Sol Levante non si nasconde più dietro la montagna americana.Se al contrario è parso scontato l’apprezzamento ufficiale di Washington, che teoricamente apprezza la mossa del governo nipponico perché potrebbe contribuire a frenare le ambizioni russe e cinesi nel pacifico, l’articolo pubblicato stamani sulla prima pagina dell’International New York Times descrive la decisione di Abe come un “drammatico cambio di posizione” e fa trasparire una ben più concreta preoccupazione da parte di Obama, che in seguito alla visita ufficiale a Tokyo dove ha mancato l’auspicato accordo sul libero scambio tra Usa e Giappone, non si fida più ciecamente dell’alleato asiatico.

Eugenio Palazzini

Fonte:http://www.ilprimatonazionale.it/2014/07/02/il-giappone-reintroduce-lesercito-e-gli-usa-non-si-fidano/

Condividi post

Repost 0
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti: