Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

OMS nel panico. Si cercano 39 passeggeri a rischio Ebola

Si cercano disperatamente 39 passeggeri africani ancora non identificati, che hanno utilizzato i voli Asky Airlines tra Liberia, Ghana, Togo e Lagos, dove era imbarcato Patrick Sawyer, il funzionario liberiano naturalizzato americano morto di Ebola il 25 luglio in un ospedale della capitale nigeriana.
Quando Sawyer ha preso l’aereo Asky mostrava già i sintomi della malattia, ma venne preso alla leggera, un po’ come fanno le nostre autorità con i nostri amati clandestini.
Come loro, Sawyer aveva la febbre alta, il vomito e la diarrea, ma gli è stato consentito di salire a bordo, come ai clandestini viene consentito di andarsene a zonzo.
L’americano è stato imbarcato su sua insistenza, aveva spiegato di dover partecipare a una riunione della comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale, non era vero. Aveva invece capito di essere gravemente ammalato, non sapeva di cosa, e non voleva essere vittima del sistema sanitario africano (razzista), stava quindi tentando di ritornare negli Stati Uniti.
Al momento dell’atterraggio in Nigeria, però, le sue condizioni si sono aggravate ed è stato messo in quarantena al First Consulent Hospital di Obalende, uno dei quartieri più popolosi di Lagos. Poi, è stato sottoposto soltanto ai test su malaria e Aids, ma è deceduto dopo due giorni.
Aveva ragione lui, a voler tornare a casa. Princess, sua sorella, era morta all’inizio di luglio in un ospedale di Monrovia proprio a causa del virus Ebola.
Ora, l’OMS è a caccia dei compagni di volo del funzionario statunitense per evitare, testuale: “una diffusione mondiale della malattia”.
Potrebbero essere ovunque. Sul treno nel posto accanto al vostro, o a vendere oggetti sulla spiaggia. O sul prossimo barcone.
Anche perché, dopo un mese, potrebbero essere centinaia, se non migliaia, le persone con le quali sono entrati in contatto.

Buone vacanze ministro Lorenzin.

Fonte:VoxNews

Condividi post

Repost 0