Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog

                      

 

di Gianni Candotto -


De Falco verrà trasferito, l’annuncio ufficiale della Comando Generale delle Capitanerie di porto non lascia dubbi e sebbene lo stesso Comando Generale si sia affrettato a spiegare che si tratterebbe “di un normale avvicendamento” a molti, moltissimi, pare una degradazione per il suo comportamento durante la nota vicenda della Costa Concordia, anche perchè il Comandante De Falco non l’ha mandata a dire definendosi “amareggiato” e “vittima di mobbing”. Sulla rete si è scatenata la solita ridda di commenti, compresi quelli che sono andati all’attacco di De Falco. Questi ultimi hanno battuto su tre argomenti: 1) Che De Falco “non poteva non sapere” degli inchini e sarebbe dovuto intervenire. In realtà la questione degli inchini la sapevano tutti, ma sono sempre stati fatti in sicurezza, nessuno poteva pensare all’improvvida manovra fatta dallo Schettino. E poi De Falco, semplice Capitano di Fregata non aveva assolutamente l’autorità per vietarli. 2) Che De Falco avrebbe dato un ordine assurdo allo Schettino nell’obbligarlo a risalire, risalita che avrebbe potuto intralciare lo sgombero della nave. Anche questa è un’argomentazione piuttosto opinabile: molti soccorritori e medici sono saliti a bordo durante l’operazione di evacuazione e il ruolo del Capitano di una nave in quei frangenti è proprio quello di coordinare i soccorsi. 3) Che De Falco si sia comportato da maleducato con la sua celebre frase “torni a bordo, cazzo”. Probabilmente i puristi del bon ton avrebbero preferito, nel bel mezzo di una crisi, una frase del genere: “illustrissimo Capitano Francesco Schettino, mi pregio di farle sapere che sarebbe d’uopo che ella prendesse l’iniziativa di valutare l’ipotesi di cercare un modo di ritornare sul vascello che ella ha ex-abrupto abbandonato”. Di fronte a tante frasi inutili che si leggono noi abbiamo deciso di scriverne una sola: NOI DI INFORMARE STIAMO CON IL COMANDANTE GREGORIO DE FALCO.

Condividi post
Repost0
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti: