Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

di Gabriele Adinolfi -

Sono quattro gatti a Bruxelles gli antifa che manifestano contro di noi  ma non incontreranno neppure un doberman che li azzanni, non fanno neanche rabbia, non come Marine Le Pen che volta le spalle al padre. Bruxelles però è eccitatissima. C’è il « terrorista » Adinolfi che parla per Alba Dorata: intollerabile! Lettere aperte ai sindaci e al primo ministro: « no pasaran » .
Penso che a qualcuno dei nostri in fondo sarebbero simpatici, a furia di geopoliticizzare sono finiti con i partigiani, le brigate internazionali e la banda bassotti. Il pensiero di un attimo e il sorriso di un decimo di secondo.  Sono poi preso in quest’atmosfera d’antan: alla stazione (arrivo da Parigi) vengono a prendermi in quattro; il luogo dell’appuntamento non è stato reso pubblico, c’è anzi un percorso a ostacoli, quasi una caccia al tesoro. Siamo tornati a trentacinque anni fa.
E qui scorgo la gran diferenza: non si tratta di nostalgismi o di restare indietro, si tratta di autenticità. Li odiano davvero e, fortunatamente e forse immeritatamente, odiano anche me. Loro però sono come li avevo percepiti: vivi , camerati, dal sangue caldo e dallo spirito franco, generosi, veri .
Sono anni che parlo ovunque; che incontro tutti; spesso c’è buona volontà, buona predisposizione ma resta sempre, sullo sfondo, quello spirito salottiero quel chiacchiericcio, quel « valutare » il conferenziere, quell’opinare, quel digerire con lo stomaco quanto dovrebbe andare diritto al cuore.
Oppure ci sono routine, carrierismo, scimmiottatura di partiti borghesi; le cose più sane, in quest’area, sono forse i concerti; anche i « Presente! » sono spesso da spazzatura.
Quando ci ritroviamo tutti sul luogo dell’incontro gli occhi sono vivi, gli sguardi degli astanti sono come non li ricordavo da millenni: fervidi , accesi, in comunione guerriera.
Una volta tanto non siamo nella simulazione, nella farsa, nella commedia.  Lo sottolineo.
Sarà che come dicevano i nostri comuni antenati  « la guerra è padre di tutte le cose »: i camerati greci sono veri, sai che con loro puoi andare sorridente a morire.
Rinunciano a tutto. Con le auto blu han fatto delle ambulanze, con i salari hanno aperto mercati per i poveri, dai quartieri popolari hanno cacciato gli spacciatori.
Prova a spiegarlo ai malati da prestazione, a quelli che la politica la valutano per score, come i punti nel campionato di calcio. Spiega loro che il Front National con il suo 26% è fragile perché è un partito di celluloide basato sul marketing  a distanza che non si è consolidato in nessun luogo mentre il 10% di questo « male assoluto » è inquietante per gli altri e offre a noi tutti una speranza concreta. E’ popolo nel popolo, per il popolo e malgrado tutto.
Hanno arrestato l’intera dirigenza senza  prendersi neppure la briga di formalizzare i capi d’accusa : quaranta persone in carcere. Pochi giorni fa in Grecia hanno condannato degli anarchici per rapina, sequestro di persona, sparatoria contro la polizia, detenzione di quattro kalashnikov, una skorpion, diverse pistole e bombe a mano, materiale esplosivo: per  il tutto dieci anni di reclusione. Due militanti di Alba Dorata sono stati condannati  a undici e tredici anni per una scazzottata! Siamo trentacinque anni fa: non c’è da essere nostalgici ma non si possono non notare le differenze dei tipi umani messi alla prova.
A Bruxelles loro sono emarginati, come appestati, solo l’Npd tedesco rivolge loro la parola. Non sono accetti nei salotti bene che apprezzano le farse ma non le tragedie. Tutti coloro che dovrebbero formare un eurogruppo non li salutano nemmeno dentro l’aula sorda e grigia. La geniale Marine glielo ha espressamente richiesto.
E ‘ così che vince il nemico, quando i « tuoi » piegano il capo, prendono le distanze perché « se sono meno diavolo di te forse mi lasciano passare in qualche stanza vietata ».
Per fortuna non si bara con la vita perché ti presenta sempre il conto. Alba Dorata è lì e funge da cartina di tornasole. Alba Dorata è lì e consente a chi, come me, ha Fede e tanto gli basta, di concludere che c’è pure Speranza.
L’Europa la rivoluzioneremo spazzando via soprattutto le mummie e gli zombies che hanno incrostato la nostra area.
Intanto, in attesa di poter essere tutti greci, nous sommes tous des dobermans!
Merci. Eucharistò. Che l’Alba ci sia d’oro.

Condividi post

Repost 0
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti: