Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog

(Informare) - Violenti incidenti ieri sera nella periferia di Roma, fra italiani e immigrati. Decine di giovani hanno preso d’assalto ieri sera il centro di accoglienza per rifugiati politici di viale Giorgio Morandi, nel quartiere di Tor Sapienza. indirizzando una fitta sassaiola verso la palazzina dove sono ospitati circa 60 nigeriani rompendo le vetrate delle finestre.

«Non ne possiamo più - racconta una signora, arrabbiatissima, scesa in strada con un mattarello - Gli zingari di là (il campo rom di via Salviati, ndr), dall’altra parte i negri, di là altri insediamenti». Un uomo, sui 70 anni, gli fa eco: «Sono venuti a fare i porci comodi loro a casa nostra. A casa degli altri non fai come ti pare. A casa nostra fai come dico io». La tensione è altissima. Ad aizzare ulteriormente gli animi ci pensa una ragazza che ha denunciato un tentato stupro nel parco: «M’avete messo le mani addosso, bastardi!», urla. In strada i suoi compagni continuano a tirare sassi verso le finestre del centro. Da lontano si sentono alcune esplosioni, sono degli elettrodomestici abbandonati a cui hanno dato fuoco.

Dall'inizio dell'anno abbiamo accolto in Italia più di 150.000 clandestini e ora ci rendiamo conto che non solo non abbiamo le risorse per mantenerli, ma finiamo per fare esplodere tensioni sociali fortissime tra italiani che vivono nel disagio di periferie carenti di tutto e i clandestini che dormono, mangiano, fumano e telefonano a spese nostre oziando dalla mattina alla sera.

Una vera follia sul piano della gestione dell'ordine pubblico. Ci vuole ormai poco perché i clandestini si coalizzino e insorgano contro gli italiani. Rimandiamoli a casa loro prima che sia troppo tardi. Poniamo fine a questa auto-invasione prima di ritrovarci definitivamente invasi, costretti a combattere per la sopravvivenza dentro casa nostra.

Condividi post

Repost0
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti: