Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Art. 1

L'Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro.

La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione.

(Costituzione italiana)

di Gianni Fraschetti -

 

Questo recita l'Art.1 della nostra Costituzione...la più bella del mondo, come ci viene ripetutamente assicurato da più parti, anche da un comico che riceve milioni di euro per dircelo dalla TV di stato. Vediamo dunque come è stato eletto Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Il 13.01.2014 la Corte Costituzionale, della quale faceva parte lo stesso Mattarella dichiara illegittima la legge (il famoso porcellum) con la quale si è andati l'anno prima al voto. In particolare, la suprema  Corte censura il premio di maggioranza (nella fattispecie 148 seggi) che "è foriero di una eccessiva sovra-rappresentazione” e può produrre “una distorsione”, perché non impone “il raggiungimento di una soglia minima di voti alla lista”. In effetti  tre contendenti erano finiti in sostanziale parità (circa il 25% ognuno) e solo poche migliaia di voti avevano permesso al PD di ottenere ben 148 seggi in più alla camera..

Quella sentenza uscì dopo che l'assemblea dei grandi elettori  aveva già rieletto alla Presidenza della Repubblica Giorgio Napolitano e la Corte Costituzionale, ovviamente, diede per sanati e legittimi tutti gli atti comunque compiuti da questo Parlamento anomalo. Era chiaro però che l'invito, nemmeno troppo velato era: "...fate la legge elettorale e andate a votare perchè così non potete stare...".

Era evidente a tutti che, dopo la sentenza, la cornice costituzionale e di legittimità di quel Parlamento erano radicalmente mutate e la situazione, che già di suo faceva strame della sovranità popolare e anche del semplice buonsenso, era divenuta insostenibile. Ma questo non parve essere però il primo pensiero del neo eletto Presidente Napolitano e nemmeno di Enrico Letta, il Premier che venne fuori come un coniglio dal cilindro degli inciuci.

Da allora è passato un anno, Letta è stato pensionato e sostituito dal rampante Renzi ma nessuno è parso avere a cuore questa lesione evidenziata dalla sentenza della Corte. Anzi. Si parla di voto nel 2018 e si sono presi anche la briga di eleggere un altro Presidente della Repubblica, il già citato Sergio Mattarella cui non ha sfiorato nemmeno la testa di giudice costituzionale il pensiero che si stava violando nuovamente e gravemente la carta costituzionale.

Eppure la sentenza è chiara ed è lì, se qualcuno se la vuole andare a rileggere. E dunque io mi chiedo e vi chiedo, come è possibile tutto questo? Come è possibile che un Parlamento, di fatto dichiarato illegittimo e composto, per di più, da parlamentari nominati e non eletti singolarmente dal popolo, elegga un Presidente della Repubblica che precedentemente, nella sua veste di giudice costituzionale, aveva emesso una sentenza che di fatto sanciva l'illegittimità costituzionale di coloro che lo stanno votando?

Un vero paradosso, di quelli che si vedono solo qui in Itaglia, dove tutto, alla fine viene ricondotto alla stupefacente elasticità della pelle delle palle. La puoi tirare quanto ti pare. Tirare fino al punto che una assemblea siffattamente composta veda prevalere una accozzaglia (Pd+cespugli vari) che alle elezioni, alla fine, aveva preso, considerando tutti e a dire tanto, il 32/33% del 50% che aveva votato.

E la sovranità popolare? E la Costituzione più bella del mondo?

Condividi post

Repost 0