Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog

 


di Andrea Sperelli -

 

Nelle cronache regionali del Friuli Venezia Giulia aveva avuto il suo momento di visibilità il coordinatore provinciale di Udine di Forza Italia Nicolò Fantin che qualche tempo fa in un virulento post facebook si era definito “orgoglioso di essere fascista e razzista”.
Questa curiosa uscita, in una mancanza delle minime basi di conoscenza storica disarmante, era dovuta al fatto che lui si dicesse fermamente contrario alle politiche immigratorie di Renzi. Insomma per lui essere contro l’immigrazione e “il falso buonismo della sinistra” significava essere “fascisti e razzisti” . Incuriositi dal pensiero dei giovani forzaitalioti friulani li abbiamo voluti seguire un po’ più da vicino. Così abbiamo scoperto che lo stesso Fantin “fascista e razzista” è un fermo sostenitore del patto del Nazareno che serve “per il bene dell’Italia”.

Lo stesso patto del Nazareno che fa andare avanti il governo Renzi che ci importa le ondate di clandestini-rifugiati. Insomma poche idee ma ben confuse. In cambio il giovane è belloccio, posta foto incravattate e senza un capello fuori posto, insomma la politica da Grande Fratello delle reti Mediaset.

Ancor meglio di lui il coordinatore udinese Stefano Cecotti (anch’egli in giacca e cravatta e pettinato all’ultima moda) che in una serie di confusissime dichiarazioni riportate da un noto blog friulano è riuscito a dire “"Il patto del nazareno è l'esito della linea imposta dalla saggia primogenita Marina Berlusconi, con Renzi si dialoga, si fa l'opposizione, ma poi ci si mette d'accordo". I fatti danno ragione a questa linea, solo i perditempo non l'hanno ancora capito, basta dare uno sguardo alla borsa: in 2 settimane il guadagno di Berlusconi e i suoi figli, è superiore ai 500milioni...

Par di capire che in pratica lo scopo del patto del Nazareno secondo il giovane forzaitaliota è che guadagni Mediaset e lo scopo della politica dei giovani forzaitalioti (logica conseguenza del “pensiero” riportato dal blog) è fare gli interessi economici della famiglia Berlusconi. Tanti lo sospettavano, ma probabilmente nessuno ancora era giunto a dirlo apertamente. Si può barattare il bene dell’Italia e consegnare il paese in mano alla sinistra per chissà quanti anni (con il premio alla lista anziché alla coalizione) ma l’importante è che Mediaset cresca. Complimenti.

Vedere dei giovani che fanno politica in questa maniera fa piangere, non ridere. O forse fa piangere dal ridere. Di sicuro fa capire come una generazione cresciuta con il Grande Fratello, Amici, X Factor e Facebook non sia una generazione su cui puntare, ma da buttare. Niente di buono da aspettarci per il futuro…

Condividi post
Repost0
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti: