Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog

(Informare) -Dopo le immagini del martirio del tenente giordano Mouath al Kasasbeh, bruciato vivo dai terroristi dell'Isis, la Giordania urla vendetta. A cominciare da Re Abdallah II, che nella foto qui sopra si mostra in uniforme da combattimento. Abdallah II ha seguito l'Accademia militare britannica, sulle orme del padre Hussein.

Nel filmato sottostante i jet giordani preparano l'attacco all'ISIS, con messaggi di morte scritti sulle bombe e molti velivoli sono pilotati da donne, che ricordano con la loro determinazione le leggendarie combattenti curde di Kobane. Ci sarebbero già alcuni obiettivi colpiti. "Mostreremo loro l'inferno". "Da una coraggiosa pilota giordana a Baghdadi": sono alcuni dei messaggi scritti a mano dai militari di Amman sulle bombe caricate sui caccia prima di lanciare la rappresaglia contro l'Isis. "Non pensiate che Dio sia all'oscuro di quello che i malfattori stanno facendo", recita invece la scritta su un foglio mostrata da un pilota prima del decollo.

Gli Stati Uniti stanno intanto tentando in tutti i modi di placare la furia dei giordani e di evitare almeno operazioni militari a terra nei quali i loro mercenari di ISIS se la dovrebbero vedere con l'unica forza da combattimento di eccellenza di tutto il Medioriente: la Legione Araba. Re Abdallah non vuole sentire ragioni e pare determinato ad andare fino in fondo. Bruciare quel pilota non è stata una buona idea, nè per ISIS, nè per i loro mandanti

Condividi post
Repost0
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti: