Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Il vaffanculo di Rossella: lo speciale di fine anno

Osa chiamare bestie milioni di italiani che non la pensano come lui, un uomo malato di protagonismo maniacale, che vuole tutto subito e tutti ai suoi piedi e che ottiene con la prepotenza e la prevaricazione, visto che di voti lui personalmente non ne ha mai visto neppure uno.
Un perfetto prodotto dei nostri tempi. L'ultima e più degenerata versione del narcisismo.
E mentre lentamente sta distruggendo l’Italia e affamando gli italiani, mi consola conoscere la fine che ha fatto Narciso, sperando che, più prima che poi, questo abominevole spocchioso ebete abusivo faccia la stessa fine, magari in una pubblica piazza, davanti a un tribunale formato dal popolo sovrano!
Perché come dico sempre, ed è una verità più volte dimostrata, la ruota gira per tutti, nel bene e nel male.

Ovviamente sto parlando di Matteo Renzi, il vostro (mio no di certo) presidente del consiglio che miete figure di merda intorno al mondo come nessun altro riesce a fare, nemmeno impegnandosi, e di lui andrò ad analizzare il profilo psicolabile di uomo intimamente cattivo.
In questa fase, Renzi è l' uomo centrale del sistema politico italiano e nessuno può disconoscerlo. E’ quindi opportuno approfondire il profilo dell’uomo aldilà della polemica riduttiva e della battuta che lasciano il tempo che trovano.Questo individuo nel suo agire quotidiano ci fa profondamente vergognare ogni santo giorno che Dio ha messo in terra.Innanzitutto come appare... la prima cosa che salta subito all’occhio è la sua iperattività, uno stato di eccitamento continuo (quasi maniacale, che ricorda molto i cocainomani…) che probabilmente lui stesso vuol far risaltare, rilasciando interviste solo in movimento…c’avete fatto caso?. Riesce ad agitare e innervosire anche l’ascoltatore.

E’ dappertutto e vuol stare dappertutto, spazia in lungo e in largo nei continenti, nelle città e nelle associazioni: è in cielo (con un aereo pagato da noi e che sovrasta l’Air Force One e Freud qui si divertirebbe molto..) , in terra (dove si fa immortalare perfino mentre mangia un cono gelato), in mare (per la Costa Concordia sfruttando la memoria di 32 vittime di un coglione tanto quanto lui) e in tutti i luoghi esistenti sulla terra. Indubbiamente ha grande capacità di comunicare, soprattutto attraverso suggestioni che lui esalta in modo sfacciatamente provocatorio. Ama compiacere e sfoggia tratti artatamente seduttivi (sia chiaro che parlo in generale, perché a me sto imbecille ripugna come pochi) e in questo emula il precedente berlusconiano.
Ma da Berlusconi lo distaccano marcatamente i sentimenti. Io non sono berlusconiana e non amo particolarmente neppure lui, ma sicuramente riconosco nel Cavaliere un imprenditore con attributi d’acciaio e sicuramente una bontà d’animo oggettiva

Renzi, al contrario di Silvio, è INTIMAMENTE CATTIVO e ostenta sadicamente la sua volontà maligna.
Dimostrabile non solo in quello spietato “Enrico stai sereno” di universale conoscenza, seguito poi dal poderoso calcio in culo che gli ha rifilato un minuto dopo prendendo il suo posto, ma nell’eliminazione quasi fisica di tutti gli avversari interni ed esterni che incontra sul cammino. Ostentazione che emerge oggi con la decapitazione politica ( in tempi di Isis.. ) di ministri, sottosegretari, sindaci, vertici di enti di Stato, manager, ma anche di semplici funzionari e collaboratori.
Qualità già anticipate e comprovate quando era sindaco di Firenze, sperimentate su concorrenti di partito e addirittura su fedeli collaboratori: senza nessuna pietà ! (viene in mente la canzone di Ferrandini , ” ma …fuori dal letto nessuna pietà ! ” …. ovviamente qui il letto è politico) . Il tratto di “prima donna” è assolutamente inconfondibile, non vuole nessun uomo vicino che possa minimamente oscurarlo, e nel caso si mette vicini dei frustrati lecchini falliti come Alfano pronto a diventare più comunista di lui pur di mantenere la sua poltrona o sgorbi come Padoan, mentre è più comprensivo con le donne, che spesso mette sugli altari purchè non abbiano alcun tratto maschile e siano piuttosto scialbe, caratteristica del resto di tutte le femmine comuniste (femmine, non donne, per me le donne sono ben altro..) e quindi la Mogherini , la Pinotti , la Giannini, la Madia, ecc.

Si salva solo la Boschi, che è la sua vera parte maschile, e di cui dicono sia sottomesso, non è chiaro se psicologicamente, politicamente (come sostiene Corradino Mineo) o sessualmente come sostengo io che sono una stronza maligna patentata…
Poi c’è l’altra parte di Renzi, quella nascosta, cioè la moglie (vera) che anche esteticamente sembra più maschile di lui e che i maligni hanno spesso messa a confronto con le foto del compagno Valdimiro Guadagno in arte Luxuria chiedendosi chi dei due fosse più donna, mentre lui, il Matteo, glabro, con mossette nella mimica,fossette nelle guance e nei di bellezza ovunque ( negli anni 20 le donne se li disegnavano sul viso in quanto sinonimo di beltà ed eleganza) appare molto più femminile. Il che dice tutto.

Quindi come già detto all’inizio, che sia narciso non c’è dubbio . Utile rammentare la vicenda con l’ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Graziano Del Rio , fino a quel momento tra i suoi più stretti fiduciari. Raccontano i pochi testimoni che recatisi insieme all’Assemblea di Confindustria, Matteo Renzi conquista la platea degli imprenditori e soprattutto il presidente Squinzi, al quale, a fine lavori, si propone disponibile per ogni esigenza. Squinzi, non essendo politico avveduto, risponde candidamente che non ce ne è alcun bisogno, che i rapporti sono già ottimi perchè lui si rivolge quotidianamente alla Presidenza del Consiglio attraverso Del Rio.
Apriti cielo! Renzi si scurisce in volto, non proferisce parola, va via schiumando rabbia e verde di bile in preda ad un attacco isterico e passa poco tempo che Del Rio è trasferito “d’ufficio” in esilio a fare il Ministro dei Lavori Pubblici, lontano dalla cabina di regia di Palazzo Chigi. A nulla erano valse le successive telefonate chiarificatrici di Squinzi a sua Eminenza l’ebete. Ma ciò che si coglie è il vuoto interiore che copre il continuo affaccendamento di Renzi e le sue scaltre battute, spesso più furbe che intelligenti.

Anzi, diciamo solo furbe e altresì ridicole, perché di intelligenti non ne ricordo nemmeno una.
Le regole valgono solo per gli altri, non per lui, anzi le regole le fa lui, a seconda di come servano per liquidare o salvare le persone. Per alcuni c’è garantismo, per altri c’è la dannazione, se questo torna utile a lui, al suo partito, ma in primis a lui.
In Renzi non ci sono contenuti, non c’è un pensiero organico, non c’è un pensiero consolidato, ma solo effimero pragmatismo. Quello rapido,ed evanescente, tipico degli opportunisti. E’ un “animale” che a colpire non soffre; nella scala biologica è un animale non evoluto, quindi amorale, il cui fine ultimo è la predazione. Appare piuttosto avere “un compito biologico” da svolgere, sotto la copertura di un istinto. Ma l’istinto è guidato da “qualcuno”, non è chiaro se da Bruxelles, da Berlino o da Washington, in qualche centrale finanziaria, nel buio della stanza operativa di qualche potere fortissimo.

Vorrebbe apparire un burattinaio ma nella sostanza è solo un povero burattino.
Sta di fatto che ha fatto, sta facendo e continuerà a fare,se non lo si fermerà, tabula rasa di tutti quelli che non sono come lui e/o sono contro di lui, malato ogni giorno di più di bulimia di potere.
Forse qualche lobotomizzato con dna comunista fin dalla placenta riuscirà ancora a incantarlo, e purtroppo ce ne sono ancora troppi in giro, anche se, dopo la spudorata nefandezza che sono riusciti a fare salvando 4 banche italiane rovinando migliaia di italiani e in quelle 4 banche guarda caso è risultato esserci anche quella guidata dall’intera stirpe della sua amata ministra Boschi, leggere cartelloni con scritto “in terra rossa vi siete scavati la fossa” apre uno spiraglio di speranza e di redenzione, insieme a tutti gli insegnanti che con la sua “buona scuola” hanno dichiarato che mai più voteranno Pd, ma questo imbecille che anche solo a sentirlo parlare inglese fa quasi tenerezza per la figura indecente che riesce a fare da solo va fermato quanto prima, con le buone o con le cattive.

Amici ricordatevi che questo signore sta guidando a suo piacimento il terzo governo abusivo consecutivo di questa disgraziata Nazione, grazie anche al sostegno di partitini di frustrati che sicuramente alle prossime elezioni spariranno per sempre. L'uomo non possiede nemmeno una sua maggioranza indipendente da tutto, e poiché sa benissimo di avere un partito come la Lega che gli fiata sul collo ogni giorno di più, farà di tutto per finire questa legislatura e con essa finire di distruggere questa povera Italia.
Gli serve ancora il tempo di cancellare la famiglia e di concedere la cittadinanza italiana con i punti delle tessere della Coop, poi potrà tentare di essere finalmente eletto dal quel branco di imbecilli che sono gli italiani. Sempre che i tempi della geopolitica non lo pongano e non pongano noi tutti di fronte a drammi di ben altro spessore.

Mentre attendiamo ansiosi gli sviluppi della situazione, comunque, festeggiamo Capodanno rivolgendo al nostro Premier, alla Boschi e famiglia, alla Madia, a Gentiloni, alla simpatica PinottA, a quell'obbrobrio della Boldrini, a Mattarella e a tutta l'anima dei meglio mortacci loro il più vibrante, possente, corale e sentito VAFFANCULO. Per l'anno che se ne è andato, per quello che arriverà e per quelli che seguiranno.

Condividi post

Repost 0