Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

 

Pochi giorni fa, tra il tripudio dei soliti idioti dell'applauso mediatico, quasi totalmente comunisti, è nato un nuovo orfano. Cioè quella povera creatura innocente che il neo baby pensionato Nichi Vendola si arroga di chiamare figlio.

Quanto hai pagato quel figlio caro Nichi? Perchè tu solo quello hai fatto, non sei stato nemmeno buono a metterci un po' di sperma. Quanto hai pagato la donna che avete selezionato a catalogo perché fornisse il suo perfetto materiale genetico? Che criteri avete adottato per la scelta? L'avete preferita bionda o mora? Immagino bionda con occhi azzurri visto che l'ovulo (e quindi la madre, ndr) è californiano, e non avrete scelto una donna brutta e sfigata... no? Che diamine.. pago, dunque pretendo e il bambolotto lo voglio biondo con gli occhi azzurri.. E poi quali optional avete scelto? 5000 dollari in più per avere il latte materno? 2000 dollari per farle ascoltare durante la gravidanza i dischi rotti dei tuoi pipposissimi discorsi che manco tu capisci?

Quanti embrioni avete condannato a morte prima di scegliere quello giusto e a chi pensava Ed mentre si masturbava per tirare lo sperma da usare per la provetta? Alle tue labbra ammaliatrici?

Quanto avete pagato la povera donna indonesiana che avete usato come fosse una fattrice e che vi ha gestato il figlio? Avete avuto il coraggio di chiederle perché lo faceva? Perché vendeva il suo corpo, perché vendeva quanto di più sacro esiste nel cuore di una donna? Perché lo vendeva a due perfetti estranei uno dei quali viscido e racappricciante? Perche permetteva che le strappassero quel figlio appena nato?

Un figlio nato da ovulo californiano, magari repubblicano, capitalista e imperialista, e da utero del terzo mondo... cosi, per par condicio..

Ma tant'è.. meglio non sapere. D'altronde dopo una vita passata a blaterare dei diritti dei più deboli, alla fine ti sei ridotto a sfruttare il corpo di una donna nella maniera più ignobile

Cosa racconterai a quel bambino rubato quando cercherà il capezzolo di sua madre? Gli darai la tua zizza arida, sterile e pelosa? Cosa dirai quando piangerà disperato aspettando la consolazione di una dolce voce femminile? Canterai in falsetto "o bella ciao" nascondendo la tua "esse" sibilante come le serpi? Cosa farai quando scoprirà l'orrendo peccato ( e anche crimine per la legge italiana) con cui l'avete reso orfano lo stesso giorno della nascita? E quando vorrà partire per conoscere sua madre da chi lo manderai? Dalla poveraccia che ti ha venduto gli ovuli o da quella che l'ha portato in grembo? Cosa farai quando di colpo, un giorno, magari sul letto di morte, ti renderai conto del male immenso che hai fatto togliendo la madre a un neonato, uccidendo gli embrioni in più, usando il tuo maledetto denaro per comperare un essere umano...

Caro Nichi.. sei diventato uno sfruttatore del popolo, un mercante di carne umana. Il capitalista che tanto hai dichiarato di odiare e combattere per tutta la vita, alla fine sei proprio tu. Auguri per quando ti fai la barba e sei costretto a guardare il tuo muso alla specchio. Il muso osceno di una sinistra che si è inventata la sfida dei diritti civili a costo zero e per il suo tornaconto. Esclusivo.

In attesa che ci impongano la legge sulle adozioni, cari legulei cattocomunisti, adesso mi rivolgo a voi, potreste prepararne magari anche una che sia dalla parte del bambino? Ovviamente a partire dal concepimento, che se non è un atto di amore responsabile non potrà mai andare nell'interesse del concepito. Sommessamente faccio anche notare che nel catechismo del vaticano tra le vittime della prostituzione e degli stupri non è previsto il possibile concepito; i vaticanisti infatti si preoccupano solo della dignità del puttaniere.

E perchè parlo di vaticanisti dopo che ho parlato di quella povera creatura appena nata?

Perché non una parola, una, su questo abominio pubblicizzato ovunque da parte di questo agghiacciante papa prono a tutto ciò che i suoi padroni dall' alto ordinano, e non sto certo parlando di nostro Signore Dio.

E ancora è niente.

I TG e i giornali di regime esulteranno per mesi, imperterriti nel propinare capillarmente l'indecente lavaggio del cervello a chi ancora, preso dal minimo dubbio di coscienza, osasse anche lontanamente dubitare che questa sarebbe una famiglia.

I salotti radicalchic la definiscono 'maternità surrogata' e non hanno il coraggio di parlare esplicitamente di volgare mercificazione del corpo femminile. Vendola e il suo maritino hanno affittato un utero da una donna e comprato un ovulo da un'altra: è l'egoismo di due uomini che non si accettano per quello che sono e pretendono di essere genitori, pensando egoisticamente solo al proprio capriccio e non alla creatura indifesa che dovrà elaborare questa terribile condizione.

Il bello è che si definiscono progressisti ma hanno cancellato secoli di  lotte femministe, riportando la donna al ruolo di 'riproduttrice della specie' cui per secoli era stata condannata. E hanno dimenticato anche i diritti dei più poveri perché il capriccio abominevole e contro natura non è per tutti,  ma solo per i gay ricchi e facoltosi che si possono permettere di comprare un bambino, come ha fatto lui sborsando 135mila euro. Ma questo è un dettaglio irrilevante no?

A certa gente tutto è permesso.

Purtroppo, pur essendo di larghe vedute, non riesco davvero a concepire certi egoismi perché di questo si tratta. Non stiamo parlando di un bimbo orfano, stiamo parlando di un bambino nato su commissione e questo già di per se è un abominio, un sacrilegio, se poi aggiungiamo il fatto che sia stato fatto da qualcuno che avrebbe dovuto dare il buon esempio e che ben conosce la legge e invece non ha fatto altro che commettere un reato, lo trovo ancor più assurdo.

Ci sono milioni di bambini soli, senza famiglia, orfani di guerra, senza cibo, senza un tetto sulla testa che, forse, hanno qualche diritto in più di essere accuditi rispetto ai bambini che devono ancora essere concepiti...su richiesta. Forse è per questi bambini bisognosi che dovremmo lavorare: agevoliamo adozioni e affidamenti non i figli per corrispondenza.

Ci sono migliaia di coppie che aspettano da una vita di poter adottare un bambino rispettando la legge: anni di sacrifici e sofferenze, di attese, di colloqui e di delusioni solo, perché tutt'altro che egoisti, desiderano dare una possibilità a chi non ha chiesto di venire al mondo ma ci si è trovato e ora è solo.

Siamo davvero arrivati alla fine del genere umano, si sono persi i valori, il buonsenso, siamo diventati oggetti e merce di scambio in tutti gli ambiti, lavorativi e affettivi, e non c'è più rispetto per niente, per le persone anziane, per i bambini disabili ...Ogni giorno se ne sente una e tutti stanno a guardare, e chi dovrebbe fare qualcosa non fa niente aspettando la fine.....

L'importante è che vada avanti la sfida per lo scudetto....

Vendola fa sfoggio di cultura per rispondere a tutti quelli, me compresa ovviamente, che l'hanno innondato dei peggiori epiteti sulla sua pagina Fb, e lui come suo solito, dopo averci dato degli squadristi, fascisti, fascioleghisti, omofobi e bestemmiatori conclude citando Dante che a suo dire avrebbe scritto "ognun dal proprio cuor l'altro misura".

Peccato che non fu Dante a scriver sta' roba, ma Metastasio nella composizione "Issipile" atto primo scena sesta.

Con tanti cari saluti alla spocchiosissima e decantata superiorità culturale della sinistra.

Caro Vendola, ora ti cito io qualcosa che invece tu, in quanto comunista, dovresti conoscere bene.....

Leggi bene:

"Io non credo nelle fiamme e allo zolfo dell’inferno; ma in momenti come questo rimpiango la mia miscredenza. No, in momenti come questo io quasi ci credo. Deve esister per forza un inferno, perché in nessun altro posto voi potrete ricevere una punizione adeguata ai vostri crimini. Fino a quando esisterà gente come voi, l’inferno sarà un esigenza essenziale del cosmo!"

L' autore è Jack London, l'opera è “Il tallone di ferro” ed è il libro che ispirò il tuo Comandante Che Guevara

Per rispetto a una creatura innocente appena nata non concluderò oggi il mio scritto con l'anatema  per cui è famoso, anche perché per un miserabile come questo viscido ex politicante sarebbe solo un piacere andarci..

Concludo quindi dicendo benvenuto piccolo Tobia, qualcuno ha deciso che tu dovessi crescere orfano di madre.

La vita per te comincia in salita.

Possa Dio proteggerti per tutta la vita.

Condividi post

Repost 0