Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

La sinistra e i sindacati italiani, avendo ormai sposato la causa del liberismo quest'anno si occupano di Regeni. Noi invece salutiamo questo bambino lavoratore pakistano, ucciso per le sue battaglie sindacali

 

 

(Alessandro Catto) - Mentre il Koncertone del primo maggio ricorda l'eroe democratico Regeni, tra il solito tripudio di giovani liberal-anarcoidi e la puntuale mancanza di lavoratori, ricordiamo la figura di Iqbal Masih, piccolo operaio e sindacalista pakistano ucciso per la sua lotta contro lo sfruttamento del lavoro minorile. Beninteso: ucciso a casa sua, lottando per i diritti del suo popolo, senza spacciarsi per profugo, migrante omosessuale, partigiano del duemilaecredici in casa d'altri. Un lavoratore che nonostante la giovane età avrebbe potuto insegnare moltissimo a Camusso, Vendola e a tutto quel ceto di rinnegati del socialismo che, tra una nota di Caparezza e una S in derapata di Jovanotti, si rendono responsabili delle peggiori connivenze e dei silenzi più interessati su lavoro, immigrazione, Europa e altri drammi. Viva Iqbal e viva il socialismo, quello vero, oggi più che mai.

Condividi post

Repost 0