Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

(Gianfranco la Grassa*) - Molti democratici non vogliono riconoscere Trump come presidente. Logicamente, sono una minoranza rumorosa; sono però la classica punta dell’iceberg poiché buona parte dei democratici americani sono vagamente assimilabili ai “sinistri” europei e italiani. Sappiamo come sono: falsi e rancorosi. Intanto, leggo che Obama ha avuto un “eccellente colloquio” con il neoeletto. Sanno ingoiare il rospo e che 4 anni non sono tanti. Sembra inoltre che pensino a Michelle quale candidata nel 2020. Vedremo se intendono riprovare con l’elemento femminile e le varie minoranze etniche che tutte insieme fanno pur sempre un buon numero (insieme però non ci staranno, non c’è accordo e l’integrazione è un semplice sogno). Cerchiamo però di non essere troppo su di giri; questi si preparano ad una vendicativa risposta. 

Temo che ancora, in quest’Europa serva per così tanto tempo, non si capisca l’essenziale: certa gente dovrebbe essere messa in “posizione orizzontale”, altrimenti farà finire noi così “ben sistemati”. Adesso, si è appena iniziato a giocare. Non è negli Usa bensì qui, in quest’Europa, che si svolgerà la partita decisiva: e sarà “per la vita o per la morte”, di questi o di quelli. E il 4 dicembre si assisterà ad una nuova prova: non tanto quella italiana del referendum quanto quella presidenziale austriaca. Non enfatizziamo, per carità; la strada è ancora lunga, settant’anni da recuperare. In ogni caso, deve nascere una nuova consapevolezza e nuovi conflitti; basta con le ideologie che furono grandi in un più che lontano passato, ma oggi danno semplicemente la nausea.

 

 

* economista, saggista e professore universitario

Condividi post

Repost 0