Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

(Gianfrasket) - Sempre più spesso sentiamo parlare di società multietnica, multiculturale, multilinguistica e chi più "multi" ha più ne metta.
La domanda è: può esistere una società simile a lungo termine?

La risposta è no. Non possono sopravvivere più etnie, più culture o più lingue senza che tra esse ci sia separazione; le differenze d'altronde esistono proprio perché i gruppi umani si sono sviluppati separatamente, in caso contrario riscontreremmo una totale omogeneità sull'intero globo terrestre.
Il multietnicismo è solo una fase temporanea: il mescolarsi di tutte le sottospecie umane darà vita ad un individuo misto che alla lunga diverrà sempre più standardizzato e l'unica conseguenza tangibile del "melting pot" sarà la scomparsa di tutti i popoli.

Un esempio tra tanti è il Messico, l'unione tra Spagnoli Europei e Aztechi Amerindi non ha creato una società multiculturale, ma un Paese dove si parla un'unica lingua con una popolazione interamente mista. Alla fine non c'è più niente da mescolare, sicché ci chiediamo dove siano finite le differenze tanto lodate. Tutto ciò che ne è derivato è stata la perdita delle unicità sia Spagnole che Azteche. Altro esempio è l'intero Nord Africa: vi sembra che i Caucasici e gli Africani vivano in una società multietnica? No! Anche lì la popolazione si è mescolata dando vita a un individuo misto standardizzato e le differenze sono ormai minime, quasi del tutto scomparse.

Alla luce dei fatti, ne consegue che il progetto multietnico che vogliono propinarci tecnocrati e banchieri è in realtà un subdolo espediente per distruggere tutte le differenze.

Il meraviglioso arcobaleno di colori di cui è composto il mondo deve diventare una triste macchia grigia dove tutti sono omologati, dove l'individuo misto è destinato a nascere, produrre, consumare e morire all'interno di una società alienante.

Condividi post

Repost 0