Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Chi pagherà per Kiev?

di Igor Siletskij -

L'Ucraina è pronta a pagare per il gas russo, ma a 386 dollari per mille metri cubi, ha dichiarato la Banca nazionale ucraina. Il discorso del suo capo Stepan Kubiva sembrava potesse rassicurare Mosca.

Tuttavia, il diritto ad uno sconto Kiev lo ha perso, il gas ora costa 100 dollari in più e il governo che ha la tesoreria vuota, ne ha accumulato parecchio. 
La Russia non ha più intenzione di sponsorizzare l'economia ucraina. Cosa che Vladimir Putin ha avvertito in una lettera ai leader europei constatando che la crisi ucraina minaccia la fornitura del gas verso l'UE.

"I Lannisters pagano sempre i loro debiti" – ecco oggi è il motto di un famoso libro di George Martin. Secondo le ultime dichiarazioni dalla Capitale ucraina, il fantasy epico è popolare anche negli attuali governanti di Kiev. "L'Ucraina ha sempre pagato i creditori in tempo. Kiev pagherà tutti i debiti, non può essere altrimenti", afferma il capo della Banca nazionale. Solo se il personaggio di "Trono di Spade", pagavano davvero i loro debiti, nel caso di Kiev il finale di questo tipo è una sorta di fantascienza.

Il dazio doganale a zero sul gas per l'Ucraina ora è storia. Grazie alle azioni sagge dei "governanti" ucraini la Russia stralcia i cosiddetti "accordi di Kharkov" sulla Flotta del Mar Nero: il gas naturale per l'Ucraina è ora pari a 485 dollari per mille metri cubi. Kiev non vuole pagare e ha minacciato di bloccare il transito verso l'Europa. Il Presidente Vladimir Putin ha inviato le sue proposte ai leader dei 18 Paesi europei. Ha avvertito che il mancato rispetto di Kiev a pagare il gas costringe la Russia a limitare la sua consegna.

Ciò può costituire una minaccia per il transito verso l'Europa. Per "Gazprom" è estremamente importante che gli europei prendano parte per risolvere il problema dell’iniezione di gas nello stoccaggio ucraino. Se questo gas pari a 5 miliardi di dollari non sarà caricato nei prossimi mesi, il transito verso l'Europa nell’inverno inevitabilmente si fermerà e i consumatori europei addosseranno la colpa a "Gazprom". Per evitare la crisi occorrono colloqui urgenti tra la Russia e i suoi partner europei. Il Cremlino ha spiegato che si tratta di negoziati con ciascun Paese europeo e non con il loro rappresentante impersonato dalla Commissione Europea. Quell'ultima ha una posizione molto strana.

Un esempio lampante delle attività di questo istituto europeo, è stato praticamente il blocco del progetto "South Stream", anche se "Gazprom" ha negoziato con successo con tutte le parti dell'UE coinvolte nel progetto. La possibilità di rimanere alla fine anche senza gas russo la Commissione Europea non l’ha probabilmente considerata. Il vice Presidente del Centro di Sviluppo Strategico per la modellazione Gregorij Trofimchuk ritiene che la Commissione Europea in questa situazione difficile cercherà una via d'uscita:
È stata considerato l'opzione di trasporto su South Stream e tutti gli altri rami. In caso contrario, tutta questa tensione inciderà direttamente sui consumatori di gas russo nell'Unione europea.

In ogni caso, qualsiasi linea concordata tra Bruxelles e Mosca sarà trovata. Dopo tutto, a prescindere dalla politica, l'economia deve funzionare.
Vladimir Putin ha ricordato nella lettera ai leader europei: Mosca solo nel settore del gas ha fornito a Kiev prestazioni senza precedenti e sconti per un totale di 17 miliardi dollari e non impone un rigore sugli arretrati del gas del valore di 18 miliardi dollari. L'UE negli ultimi anni, a differenza della Russia, non forniva nessun assistenza reale all'Ucraina. L'Europa usa l'economia ucraina come la fonte della materia prima e il mercato di smercio della produzione pronta. Bruxelles è anche coinvolta nello sviluppo della crisi politica, anche se gli USA hanno il ruolo più importante, ritiene l'analitico maggiore del gruppo d'investimento “Nord-Capital” Roman Tkachuk:

Gli Stati Uniti non dipendono dalle forniture di gas russo e fanno pressione sull'Europa per far ridurre gli acquisti dalla Russia. Questo, naturalmente, per l'Europa non è conveniente. È possibile che per gli Stati Uniti è benefico uno scenario radicale. La Russia è un importante fornitore di energia: fare la stessa cosa come è stato fatto con l'Iran - quando fu annunciato l'embargo del petrolio del Paese - è impossibile. Il mondo è troppo dipendente dalle forniture di petrolio e gas dalla Russia. Pertanto, le parti cercano un compromesso.

Secondo gli esperti, il principale attore della crisi ucraina - Washington – cerca la variante di reindirizzamento dei flussi di gas in Europa aggirando la Russia. In particolare, si parla di riesumare il già dimenticato progetto "Nabucco". Questo, secondo gli Stati Uniti, deve essere completato in breve tempo, in modo da isolare Mosca.

Tra l'altro, il tenebroso genio americano, ha risposto rapidamente alla lettera di Vladimir Putin. Il Dipartimento di Stato ha denominato il messaggio un "ricatto" e ha chiesto di non utilizzare "i meccanismi dei prezzi non di mercato". A questo proposito, la domanda sorge spontanea: cosa farebbe Washington, se gli prendessero gas, ma non pagassero per esso? Probabilmente non aspetterebbe qualche anno, "i meccanismi non di mercato", che portano la democrazia in tutto il mondo istantaneamente sarebbero andati in funzione.

L'Europa ha anche risposto. Il Commissario UE per l'energia ha dichiarato che "sta lavorando sul piano dell'assistenza all'Ucraina per pagare il debito di gas alla Russia." Promettono di provare a non fare i nuovi debiti.

Ebbene, la reazione può anche essere definita adeguata. La prospettiva di un inverno gelido senza gas russo fa riflettere.


Fonte: LA VOCE DELLA RUSSIA

Condividi post

Repost 0