Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog

di Gianni Fraschetti -

 

 

Noi non siamo arrivati nelle attuali condizioni per caso, e' stato un percorso preciso che ci ha condotti fino a qui, un percorso iniziato con l' unita' d' Italia, che e'  ripreso poi nel 1945, pur con  delle battute d' arresto ( Craxi ad esempio ) ma che  e' sempre ripartito con piu' slancio di prima. Il progetto di svendere il patrimonio degli italiani ( aziende pubbliche e beni demaniali ) agli stranieri ha radici lontane. Ci hanno fatto credere che tutto cio' che era pubblico era scassato, dei carrozzoni mangiasoldi senza prospettive sul mercato. Non era vero e non e' vero. Il settore pubblico vantava e vanta eccellenze assolute in settori molto particolari e ad elevata specializzazione. Un esempio per tutti la Nuovo Pignone, produttrice tra l' altro del miglior valvolame al mondo per impianti petroliferi e ceduta decenni orsono per quattro baiocchi agli americani di General Electric.  Abbiamo venduto tanto sul fronte pubblico...o meglio, piu' che venduto, svenduto e la sinistra italiana porta responsabilita' terribili in quest' opera di smantellamento del patrimonio pubblico e del benessere dei cittadini. Convertitasi al neo liberalismo piu' bieco ( vero D' Alema ? Sei d' accordo Veltroni ? ) ha semplicemente trasferito il proprio internazionalismo proletario, che era sempre stato di semplice facciata,  a sostegno del capitale e della speculazione mondiale. Tra l' altro lo ha fatto anche in maniera aperta e parecchio sfacciata. Non ci credete ? Andatevelo a controllare, compreso il viaggio di Occhetto a Londra quando ando' a presentare la "gioiosa macchina da guerra" alla finanza internazionale mettendola al suo servizio. Con questo articolo Informare.over-blog inizia una serie di appuntamenti con le radici dei nostri mali. Un percorso che sara' bene rivedere passo dopo passo e fissarlo in maniera indelebile nella nostra mente, anche perche' i protagonisti di questo sc empio sono ancora tutti qui a produrre il massimo danno possibile al popolo italiano. Iniziamo con questa breve panoramica di Maurizio Blondet che ci riporta nel clima di quegli anni rievocando particolari che forse avevamo dimenticato.

 

***********************************************************************************************************************************

 

 

Nel 1992 Ciampi, allora governatore di Bankitalia, dilapidò 48 miliardi di dollari in una assurda difesa della lira, che era sotto attacco da parte di Soros. Difesa che fin dall’inizio era da abbandonare, dato che la Banca Centrale tedesca aveva chiarito che non avrebbe appoggiato l’Italia (doveva già proteggere la Francia).

Soros aveva più mezzi: grazie all’effetto-leva e alla speculazione coi derivati, agiva come avesse 100 dollari per ogni 5 realmente impiegati. In pratica, con questa leva, Soros vendeva lire che non possedeva, contando poi di ricomprarle a svalutazione avvenuta. Inoltre, Soros aveva alle spalle i Rothschild, che dal 1989 avevano aperto a Milano la Rothschild Italia SpA, il cui direttore, Robert Katz (J), era diventato direttore del Quantum Fund di Soros proprio alla vigilia dell’attacco.

Il venerato maestro Ciampi, che sapeva come stavano le cose, avrebbe dovuto rinunciare fin dall’inizio alla sua difesa, salvando i 48 miliardi di dollari. Invece la fece ad oltranza: cosa che costò ai contribuenti italiani 60 mila miliardi di lire (due o tre stangate alla Prodi) che in parte (almeno 15 mila miliardi di lire) finirono nelle tasche di Soros. E cosa ancora più grave, Ciampi prosciugò quasi totalmente le riserve in valuta di Bankitalia.


Così, quando alla fine la lira fu svalutata del 30% – come i Rothschild e le banche d’affari USA volevano, per poter comprare a prezzi stracciati le imprese dell’IRI – non c’erano più soldi per la difesa della italianità di quelle imprese. La svendita era stata accuratamente preparata da Giuliano Amato che, appena diventato capo del governo, aveva trasformato gli enti statali in società per azioni, in vista delle privatizzazioni, in modo che le oligarchie finanziarie estere potessero controllarle diventandone azioniste, e poi rilevarle per il classico boccone di pane.

Il piano era stato probabilmente elaborato nella famosa riunione sul Britannia del giugno ‘92, panfilo della regina d’Inghilterra, su cui era salito Mario Draghi, allora funzionario del Tesoro. I magistrati di Mani Pulite diedero una mano, creando il clima di linciaggio contro Craxi (che si opponeva fieramente alle intrusioni straniere) ed arrestando preventivamente una folla di grand commis di Stato, poi risultati del tutto innocenti, in modo da sguarnire il fronte che si opponeva alle svendite. Così il saccheggio avvenne tra gli applausi degli italiani, ben contenti di vedere Craxi in fuga e la vecchia DC smantellata da Di Pietro.

Romano Prodi e Georges Soros

La cosa fu così sporca che Ciampi (come minimo, se non da complice, si comportò da incompetente) una volta prosciugate le riserve, offrì le sue dimissioni. Gli fu detto di star tranquillo; Ciampi sarebbe stato premiato con la presidenza della repubblica e santificato per sempre dall’aureola di Venerato Maestro, conferitagli dai grandi giornali, Corriere e soprattutto Repubblica. C’è il sospetto infatti che anche De Benedetti avesse guadagnato dalla speculazione.

Ci fu anche un’inchiesta. Nel ‘96 la Guardia di Finanza indagò se «influenti italiani abbiano operato illegalmente dietro banche e speculatori», ricavando un guadagno accodandosi a Soros nella speculazione contro la lira. Secondo Il Mondo del dicembre ‘96, la «lobby a favore di Soros», secondo gli inquirenti, comprendeva Prodi, Enrico Cuccia (capo di Mediobanca per la Lazard) Guido Rossi, Isidoro Albertini, Luciano Benetton, Carlo Caracciolo.

Naturalmente, le procure insabbiarono. Gli indagati erano tutti padri della patria, venerati maestri, riserve della repubblica.

Maurizio Blondet

Fonte: Virus on line

Condividi post
Repost0
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti: