Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog

India: diffusa perizia balistica, ''hanno sparato i due maro'''
India: diffusa perizia balistica, ''hanno sparato i due maro'''
10 Aprile 2012 - 09:03

 

(ASCA) - Roma, 10 apr - Sarebbero stati i due maro' italiani Salvatore Girone e Massimiliano Latorre, sparando con ''due Beretta ARX 160'', ad uccidere i due pescatori indiani il 15 febbraio scorso sul peschereccio St. Antony al largo delle coste del Kerala. Lo ha stabilito, a quanto scrive l'agenzia statale Pti, il Forensic Sciences Laboratory indiano, ovvero il laboratorio scientifico della polizia dopo aver condotto la perizia balistica delle armi sequestrate a bordo della Enrica Lexie. Secondo la relazione conclusiva, vi sarebbe una compatibilita' tra due fucili sequestrati a bordo del mercantile italiano e i proiettili recuperati nei cadaveri. Il rapporto e' stato depositato in mattinata presso la magistratura di Kollam e una copia sarebbe gia' al vaglio del Team Special Investigation (SIT), guidato dal commissario di Kochi, MR Ajith Kumar, che cura le indagini sul caso. ''E' stato possibile appurare quali siano state le armi usate per uccidere i due pescatori dopo aver esaminato i proiettili recuperati dal corpo dei defunti'', recita la relazione. ''Non sono state utilizzate armi da cecchino, ma due Beretta ARX 160 per uccidere i pescatori e non e' stata individuata alcuna manomissione del materiale sequestrato''. Intanto il quotidiano locale The Hindu riferisce inoltre che la Corte Suprema indiana esaminera' stamattina un appello presentato dall'armatore della Enrica Lexie contro un verdetto di un tribunale dello stato del Kerala che ha bloccato la partenza della petroliera. Il 3 aprile la sezione d'appello dell'Alta Corte di Kochi aveva annullato la decisione di un giudice di primo grado della stessa Corte di autorizzare la partenza del mercantile. L'appello era stato presentato dalla moglie del pescatore Jelastine, una delle due vittime. rba/sam/

 

 

A leggere il lancio d' Agenzia c'e' da rimanere basiti. Ma come ? Fino a due giorni fa la polizia era alla ricerca di un altro fucile che non era stato consegnato, dell' arma che aveva ucciso i due pescatori ed ora, colpo di scena, sono stati i Beretta ARX160 a sparare ?  Veramente straordinari questi indiani, si vede che adorare le vacche rende svegli, di mente agile e di intelligenza superiore alla media. Il caso e' risolto secondo loro  e pensano pure che noi ce la beviamo, immagino. E faccio bene a pensarlo, visto che le vicende di questi due disgraziati , colpevoli solo di indossare una Uniforme che va poco di moda, ormai non interessano piu' a nessuno nei palazzi del potere. Non interessano a quel Leonardo da Vinci della diplomazia, a quel raffinato intellettuale, a quell' infaticabile tessitore di sottili strategie che riponde al nome di Giulio Terzi di Santagata, il nostro Ministro degli Esteri, impegnato a dimostrare che il vecchio adagio " parlate male di me , purche' ne parliate " e' la stella polare che guida il suo cammino, non nteressano a Monti, tutto preso  dai progetti per il suo futuro in politica e non interessano a quei tre cialtroni che guidano i maggiori partiti italiani, impegnati come sono a non perdere i soldi pubblici di finanziamento dopo l' ondata di indignazione provocata dall' affaire Lega. Dunque Latorre e Girone non interessano a nessuno, anzi stanno pure cominciando a diventare un fastidio, una spina che punge quando uno avrebbe altro da fare e giustamente, avendo altro da fare, chi avrebbe titolo per farlo si guarda bene dallo sbattere con violenza i pugni sul tavolo e pretendere dagli indiani l' immediata cessazione di questa commedia oscena ed il rilascio immediato dei nostri militari.  I due sono soli e verranno giudicati e condannati, probabilmente a morte ( fa piu' scena ), poi magari li graziano e gli fanno fare vent' anni. Quei due ragazzi sono nostri fratelli, non possiamo permettere che cio' avvenga anche nella totale indifferenza del popolo italiano. Mobilitiamoci ovunque e teniamoci pronti, che almeno gli indiani percepiscano il nostro sdegno  e comprendano che noi, il popolo, siamo ben altra cosa rispetto a chi ci governa ed e' con noi che alla fine, in un modo o nell' altro, dovranno fare i conti. Perche' noi il modo lo troveremo.

 

di Gianni Fraschetti

Informare over-blog

Condividi post
Repost0
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti: