Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog

vendola
Bari, 12 apr. (Adnkronos) - Nuova indagine per il presidente della Regione Puglia Nichi Vendola. Abuso d'ufficio, peculato e falso sono i reati che vengono contestati, a vario titolo, al governatore pugliese, agli ex assessori alla sanita', Alberto Tedesco e Tommaso Fiore, a monsignor Mario Paciello, vescovo della diocesi di Altamura-Gravina-Acquaviva delle Fonti e a don Mimmo Laddaga, direttore dell'ospedale ecclesiastico 'Miulli' di Acquaviva. 
L'inchiesta, condotta anche in questo caso dalla pm della Procura di Bari Desiree Digeronimo, riguarda una transazione da 45 milioni di euro mai portata a termine tra la Regione Puglia e il Miulli. L'accordo sarebbe servito a chiudere un contenzioso amministrativo da 80 milioni. Il Miulli aveva presentato ricorso al Tar per chiedere il ripiano dei 42,6 milioni di disavanzo maturati dal 2002 al 2007.

 

 

L'ospedale sosteneva di essersi indebitato per costruire la nuova grande sede con fondi propri (76 milioni fino a fine 2008) perche' non aveva potuto utilizzare i fondi pubblici destinati all'edilizia sanitaria. In pratica il Miulli sosteneva che le spese sarebbero state maggiori rispetto ai rimborsi della Regione per le prestazioni sanitarie.

 

 

'Ribadisco la mia totale assoluta estraneita' a fatti che sono al di la' di ogni mia immaginazione''. Lo afferma in una nota il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, a proposito della nuova indagine della Procura di Bari che lo vede coinvolto relativa a una transazione tra l'ente e l'ospedale ecclesiastico 'Miulli' di Acquaviva delle Fonti, in provincia di Bari.

 

 

''Qualche ora fa - conferma il governatore - ho ricevuto la notifica di una richiesta di proroga di indagini da parte del gip di Bari. Si tratta di un procedimento penale del quale non avevo mai avuto alcuna notizia. Dal tenore dell'atto non sono in grado di capire cio' che mi sarebbe addebitato, ma, considerati i nomi coinvolti, deduco che si tratti di questioni relative all'Ospedale Miulli di Acquaviva delle Fonti. Sono rammaricato di aver ricevuto solo oggi questa notizia - prosegue - perche' se la stessa mi fosse stata comunicata appena ventiquattrore prima, come e' nel mio costume, avrei potuto informare la stampa e l'opinione pubblica in una unica soluzione''.

 

 

''Quanto al merito, se per il professor Sardelli mi si addebita di aver fatto vincere il migliore - prosegue Vendola - qui per davvero non riesco ad immaginare nulla che possa riguardarmi, e tuttavia riservero' a questo secondo appuntamento, come nel mio stile e nella mia cultura, il medesimo impegno e la medesima serenita' che si deve al lavoro della Magistratura. Spero che la vulgata del non c'e' due senza tre non mi riproponga l'ulteriore amarezza di nuove comunicazioni per addebiti che sento sinceramente e convintamente molto lontani dal mio modo di essere''.

 

 

E fin qui l' Adnkronos, che aggiungere ...? Evidentemente non si fidavano che il Sel non potesse superare lo sbarramento ( il secondo, quello che da il diritto di tribuna ) ed hanno pensato che un Vendola morto sia cento volte meglio di un Vendola vivo, politicamente s' intende.

Da parte mia posso dire che non nutro simpatia per  l' uomo. Ampolloso, stucchevole, melenso, anche un po' palloso se vogliamo, ha pontificato fino ad oggi su tutto e su tutti venendoci a raccontare la sua NON richiesta opinione con quel suo linguaggio barocco ai limiti del ridicolo. Trovavo strano che potesse avere un seguito, un personaggio del genere pareva destinato alla solitudine politica, a decantar poesie davanti ad uno specchio ed invece mi ero clamorosamente sbagliato. Il seguito lo aveva eccome...e cio' fornisce l' esatta misura della disperazione che c'e' nel nostro popolo. per credere a Nichi ce ne vuole, quasi quanto credere a Calderoli, tanto per essere chiari. Adesso il buon Vendola si beve un po' della sua medicina. Politicamente e' una porcata schifosa che viene fatta al popolo italiano: l' eliminazione di un altro possibile partito d' opposizione. Sono pero' doverose due osservazioni, la prima e' per i fautori di un certo giustizialismo da pistoleri che si annidano per la maggior parte proprio nell' area di riferimento del nostro Nchi.

Avete visto che bello ragazzi ? Quanto ci vuole poco per passare da promessa della politica del domani ad aspirante inquilino delle patrie galere ? Adesso vi state zitti e buoni perche' i provvedimenti della Magistratura non si discutono mai. Lo avete sempre detto e ripetuto, mai, nemmeno quando e' palese che il tutto e' strumentale a mettertelo politicamente nel culo.

La seconda e' per Vendola. Caro Nichi e' ovvio che non ti chiederemo le dimissioni, fa troppo schifo quello che ti stanno facendo ma una lezioncina ti ci voleva, cosi' la prossima volta prima di scagliare la prima pietra ci penserai due volte, caro il nostro " Diversamente onesto ".

 

di Gianni Fraschetti

Informare over-blog


Condividi post
Repost0
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti: