C'è un signore che abita in un attico sul Lungotevere che affaccia su Castel Sant'Angelo e guarda a via della Conciliazione. E non è Jep Gambardella. È un signore che da sempre si dichiara di sinistra ma che i migliori affari li ha fatti con la destra. Ed è un gran paraculo. Un signore che dal '98 è riuscito a farsi dare venti milioni di euro dai vari sindaci che si sono alternati alla guida di Roma, Rutelli, Veltroni, Alemanno, Marino, per realizzare la grande opera denominata "Nuvola", all'Eur, che oggi, a distanza di quasi sedici anni dal suo concepimento, non solo non ha visto ancora la luce, ma già non si sa più che cosa farne, visto che l'attività congressuale ed espositiva in Italia s'è praticamente fermata.  Questo signore, di nome Massimilianio Fuksas, architetto, anzi, archistar, meglio conosciuto (grazie a Maurizio Crozza) con il nome di Massimiliano Fuffas, oggi sulle colonne del Corriere della Sera minaccia di ritirare la firma dalla "Nuvola", dopo aver incassato "solo" venti milioni di euro, per 275 milioni complessivi di investimenti di Eur Spa. Lui sostiene di averne spesi dieci per i consulenti e di avr anche pagato le tasse. «Sa quanto è rimasto a me? Solo cinque milioni,.», spiega Fuksas. Poverino. Pensate che il Comune gli aveva chiesto di lavorare gratis per un anno, visto il favoloso compenso già incassato e la crisi economica. Che strano, Fuffas ha rifiiutato.

Intanto noi aspettiamo, con la bava alla bocca, gli 80 euro in più in busta paga che ci ha promesso Renzi. Sperando che anche lui non sia Fuffas e che la sua “spending review” non si trasformi, ancora una volta, in una “spending per cul” fatta di archistar e nuvole d'oro.

 

Fonte:http://ilportaborse.com/gli-italiani-con-la-bava-alla-bocca-per-80-euro-poi-ce-fucksas-che-ha-invassato-venti-milioni-per-la-nuvola-e-si-lamenta/