Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog

28 SET 2013 11:33

1. LETTA, FACCI IL BIS! LE SCENEGGIATE NAPOLETANE DI RE GIORGIO E DI LETTANIPOTE APRONO LA STRADA PUBBLICAMENTE A QUANTO CONTRATTATO PRIVATAMENTE CON LA BCE DI DRAGO DRAGHI A CASA DEL FONDATORE DI “REPUBBLICA” SCALFARI, LA SCORSA SETTIMANA - 2. IL LETTA-BIS DEI SALVATORI DELL’EURO-PATRIA, NASCERÀ A METÀ DELLA PROSSIMA SETTIMANA GRAZIE ALLA STAMPELLA DEI SOLITI SENATORI “RESPONSABILI”. COMPRESI I SENATORI A VITA APPENA NOMINATI DA RE GIORGIO CON LOGICHE DI TOTALE BLINDATURA DEL GOVERNO. E COINCIDERÀ CON UN AUMENTO DELLE TASSE DA ADDEBITARE TUTTO AL BANANA - 3. SE IL BANCHIERE DRAGHI NON HA SBAGLIATO I PROPRI CALCOLI, CI ASPETTANO UN PAIO DI SETTIMANE DI TURBOLENZA POLITICA, MA I MERCATI CI RISPARMIERANNO PERCHÉ FRANCOFORTE È CON NOI ED È PRONTA AD AIUTARE IL LETTA-BIS SUL FRONTE DELLO SPREAD -

a cura di Colin Ward (Special Guest: Pippo il Patriota)

MARIO DRAGHI ED ENRICO LETTA FOTO INFOPHOTOMARIO DRAGHI ED ENRICO LETTA FOTO INFOPHOTO

1. ASPENIO, FACCI IL BIS! 
Uno frena a stento il piantino alla commemorazione dell'ennesimo ex compagno seppellito. L'altro batte i pugni sul tavolo e verga personalmente il comunicato finale del Consiglio dei ministri.

Le sceneggiate napoletane di Re Giorgio e di Lettanipote aprono la strada pubblicamente a quanto contrattato privatamente con la Bce di Drago Draghi a casa Scalfari, la scorsa settimana. Il Letta-bis, nei propositi dei salvatori della Patria Eurocratica, nascerà a metà della prossima settimana grazie alla stampella dei soliti senatori "responsabili". Compresi i senatori a vita appena nominati da Re Giorgio con logiche di totale blindatura del governo. E coinciderà con un aumento delle tasse da addebitare tutto al Banana.

Se il banchiere Draghi non ha sbagliato i propri calcoli, ci aspettano un paio di settimane di turbolenza politica, ma i mercati ci risparmieranno perché Francoforte è con noi ed è pronta ad aiutare il Letta-bis sul fronte dello spread.

Del resto, Aspenio Letta piace ai banchieri e ai cosiddetti "circoli internazionali" che vivono nel culto della "stabilità". Ottenuta in che modo e a quale prezzo, sono tutti cavoli nostri. E comunque a questo ci penserà ancora una volta Re Giorgio, con il suo sapiente uso della Costituzione.

SCALFARI E NAPOLITANO ALLA FESTA DEL 2 GIUGNOSCALFARI E NAPOLITANO ALLA FESTA DEL 2 GIUGNO

2. IL RUGGITO DEL CONIGLIO MANNARO 
Per la sintesi, ottima la prima pagina della Repubblica dei commensali: "Scontro finale, governo verso la crisi. Liti e urla nel Cdm, aumenterà l'Iva. Letta: non ci sto più, chiedo la fiducia alle Camere. Giornata frenetica di colloqui, poi la drammatica resa dei conti che fa saltare la manovrina. Il presidente del Consiglio sale al Colle: inaccettabili le dimissioni di massa".

OSCAR LUIGI SCALFARO E BERLUSCONIOSCAR LUIGI SCALFARO E BERLUSCONI

E ovviamente, ecco subito la propaganda di partito sulla supposta che ci attende per colpa delle bizze del Cainano: "Salta la manovra anti-deficit. Da martedì carrello della spesa più caro e si riavvicina la seconda rata Imu. Il deficit resta sopra il 3%. Legge di Stabilità in alto mare" (Repubblica, p. 9).

Risponde così il Giornale di Sallustioni: "Benzina sul fuoco. La sinistra vuole barattare l'Iva con rincari del carburante: salta il decreto, la stangata è (quasi) certa. Letta e Napolitano cercano lo scontro, tra i ministri volano gli insulti. Il rebus di una nuova fiducia. Ultimatum di Forza Italia: mettete subito mano alla giustizia" (p. 1). Va secco al punto il Cetriolo Quotidiano: "Napolitano ha pronto un Letta bis. Ora l'ostaggio è Berlusconi" (p. 1).

Toni più flautati sul Corriere di don Flebuccio de Bortoli, alle prese con una crisi interna che fiacca le forze. Oggi non c'è troppa fantasia neppure fra i retroscenisti: "Napolitano, via libera alla linea dura. Sostegno pieno al premier: fiducia in Aula per il ‘chiarimento definitivo'. Letta al ritorno da New York al capo dello Stato: "Ma lo sai che Kissinger fa il tifo per te? E' proprio cambiato il mondo" (p. 6).

clb25 scalfari gianni lettaCLB25 SCALFARI GIANNI LETTA

Mentre sulla Stampa Feltri Mattia sottolinea il nostro declino familista: "Gianni ricevuto da Enrico. E per la prima volta zio e nipote trattano ‘alla luce del sole'. Vertice a Palazzo Chigi: l'emergenza fa cadere l'ultimo tabù. I due hanno sempre cercato di tenere al riparo la sfera privata da quella pubblica" (p. 2). Un'impresa che in effetti poteva riuscire solo in un sistema informativo corrivo come quello italiota.

3. NANO DECADENCE 
Per i Ri-publicones "Berlusconi opterà per i servizi sociali ma non sa ancora se presentarsi in giunta. Lo show in diretta streaming potrebbe rivelarsi un boomerang. Sarà il penalista Franco Coppi a difendere il Cavaliere a Palazzo Madama" (p. 11).

PALAZZO MADAMA - SENATO DELLA REPUBBLICAPALAZZO MADAMA - SENATO DELLA REPUBBLICA

Sul Corriere, "Il caso Quagliarello agita il partito. E Brunetta ‘separa' governo e Parlamento. Il ministro per le Riforme guida le trattative per l'ala moderata. Nel Pdl timore di defezioni tra deputati e senatori. La preoccupazione dei ‘falchi'. Oltre al ministro per le Riforme, anche Giovanardi non ha firmato la sua lettera di dimissioni" (p. 9).

Più mirato il lavoro di Mario Ajello sul Messaggero (p. 9): "Nel Pdl 20 senatori pronti al Letta bis. A Palazzo Madama riparte la caccia ai voti per garantire l'esecutivo anche in caso di strappo. Basterebbero 14 sì. Molti di più i neoresponsabili. Le manovre del siciliano Castiglione. E si parla di un nuovo gruppo: Italia popolare" (Complimenti per la fantasia)

4. NANO RESISTANCE 
Ma è ancora sul Menzognero il pezzo più divertente di giornata, con Ettore Colombo che riporta un lungo sfogone virgolettato del Banana: "Si sono mossi anche quelli delle grandi centrali finanziarie italiane e, soprattutto, estere che agiscono come vogliono sui mercati, ci fanno crollare i titoli in Borsa, fanno schizzare in alto lo spread e, d'accordo con la Merkel, mi vogliono morto anche loro proprio come mi vogliono morto Napolitano, Letta, il Pd. Pensano di spaventarmi e provano a ricattarmi: Gianni Letta è venuto a dirmelo di persona, Fedele Confalonieri ed Ennio Doris temono che, dopo di me, i giudici e non solo loro faranno a pezzi l'impero che ho costruito dal niente in sessant'anni di duro lavoro. Si sbagliano. Io non mollo" 

Fonte:http://www.dagospia.com/rubrica-2/media_e_tv/1-letta-facci-il-bis-le-sceneggiate-napoletane-di-re-giorgio-e-di-lettanipote-63549.htm

Condividi post

Repost0
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti: