Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

siriaesecuzionesoldati.jpg

 

 

Ennesima atroce esecuzione di una decina di soldati di Damasco da parte dei cosiddetti ribelli armati dall’Occidente. La disumana strage resa nota, con un video amatoriale diffuso da voxnews   (per chi vuole vederlohttp://voxnews.info/2014/03/20/siria-straziante-esecuzione-di-cristiani-inginocchiati-e-giustiziati-colpi-in-testa-video-shock/)  soltanto questo 15 marzo, è avvenuta il 21 dicembre scorso, dopo l’attentato suicida contro l’ospedale al Kindi di Aleppo, devastato dall’esplosione, con morti e feriti tra il personale e i degenti. Un commando dei terroristi di al Nusra (salafiti) e del cosiddetto “esercito siriano libero”, intervenuto dopo l’attentato ha preso prigionieri i sodati di guardia all’ospedale che erano sopravvissuti e quelli identificati come cristiani, costretti a inginocchiarsi, sono stati tragicamente assassinati a colpi di pistola e di mitra alla testa e su tutto il loro corpo. Dalle vittime, che hanno accolto con fierezza il loro assassinio, nessuna richiesta di pietà. 

Ovviamente di questo e di altri purtroppo numerosi drammatici episodi di guerra religiosa al governo pluralista di Damasco non vi è mai stata traccia sui media embedded dell’Occidente. Sintomatico, anzi, il caso del Corriere della sera che, ogni tanto, guarda con occhi strabici alla guerra scatenata dal Qatar, dai Sauditi, dai Turchi e dai terroristi islamici mercenari, contro il governo di Damasco, soltanto per parlare della scomparsa di padre Dall’Oglio, il sacerdote amico dei ribelli e da questi stessi preso in ostaggio ormai nove mesi fa e forse ormai assassinato. Nemmeno una riga sulle esecuzioni terroristiche di alawiti, cristiani – imam, preti o fedeli - di ogni credo, e di semplici ragazzi non fondamentalisti islamici.
E nessuna riga per sottolineare ai distratti media-dipendenti di Occidente come ormai la guerriglia terroristica stia diventando sempre più infame perché - gradualmente e quasi totalmente respinta verso le estreme zone di confine siriane, le stesse frontiere con Stati, come la Turchia (e anche la Giordania) che accolgono e finanziano tale soldataglia – è a un passo dall’essere totalmente estirpata.

Condividi post

Repost 0